martedì 21 ottobre 2014

Frittata al forno con bietole



Purtroppo ho una passione sfrenata per il forno...Ne sono consapevole...
Il fatto è che qui, per una storia o per l'altra, il mio caro elettrodomestico lavora quasi ogni giorno. L'unica cosa che mi manca quando siamo in vacanza con il nostro camper...è proprio lui...il mio forno senza luce. Sì, da mesi ormai cucino senza...mi sono quasi abituata!
La ricetta di oggi è una semplice frittata. In verità, per essere corretti, bisognerebbe chiamarla “non-frittata”.
Come si potrà dedurre, non mi piace friggere e non sono nemmeno brava a farlo. Inoltre, da quando il piccolo di casa mangia con noi e come noi, la frittura è stata messa nella “cartella spam” della mia mente...
Se non vi ho ancora convinto, sappiate che ci sono almeno altri due buoni motivi per fare una frittata al forno: il primo è che non va girata (io non sono proprio una campionessa in questa pratica) e il secondo è che può essere abbandonata al suo destino...almeno per venticinque minuti. Pensate quante cose riesce a fare una mamma in quel lasso di tempo!
In questa ricetta ho introdotto un ingrediente insolito per molti: il lievito alimentare in scaglie (da non confondere con il lievito per le torte, la pizza o il pane).
E' ottenuta dalla lavorazione del lievito di birra. Nel mondo vegan viene usato, ad esempio, come sostituto del parmigiano sulla pasta. Contiene molto ferro, amminoacidi essenziali e soprattutto vitamine del gruppo B (preziosissime per il nostro intestino).
 
Ingredienti per 4 persone:
-un mazzetto di bietole fresche con il gambo sottile (vanno benissimo anche gli spinaci)
-4 uova bio
-2 cucchiai scarsi di parmigiano reggiano
-200 ml di panna di soia bio (o altra panna vegetale)
-1 cucchiaio di lievito alimentare in scaglie (facoltativo)
-sale
Dopo aver sciacquato bene le bietole ed averle private solo del pezzo finale del gambo, tagliatele grossolanamente e riponetele in una padella con un filo di acqua. Coprite con il coperchio e cuocete a fuoco medio-basso per 10 minuti.
Scolatele dell'acqua in eccesso e tritatele finemente con il coltello.
A parte, sbattete le uova, aggiungete il parmigiano, il sale, la panna e il lievito in scaglie. Quest'ultimo vi aiuterà ad insaporire la vostra frittata, pertanto non sarà necessario eccedere con il parmigiano e con il sale. Provate a poco, a poco, a ridurne l'uso. E' solo questione di abitudine.
Unite le bietole al composto e versate il tutto in una teglia foderata di carta forno.
Cuocete in forno statico già caldo a 200°C per circa 25 minuti, o fino a quando non sarà ben dorata in superficie.
Toglietela dal forno e lasciatela un po' raffreddare.
 
Provatela e fatemi sapere se vi è piaciuta.



4 commenti:

  1. La proverò di certo!

    RispondiElimina
  2. Provero' sicuramente anche io. Posso usare anche altri tipi di verdure?
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che ti piacerà Silvia. Certo che puoi provarla con altre verdure. Sceglile tra quelle che ci mette a disposizione la natura in questa stagione. A presto

      Elimina